Decreto Salvaconsumi
Clicca qui per ingrandire l' immagine

Decreto Salvaconsumi

 

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che introduce misure a sostegno dei settori industriali in crisi (D.l. 10/02/2009 n.5).

Esponiamo qui di seguito una breve sintesi delle principali novità:

 

Incentivi auto

Sono agevolati gli acquisti di veicoli a basso impatto ambientale (contratti stipulati a partire dal 7 febbraio 2009 e fino al 31 dicembre 2009 e immatricolazione entro il 31 marzo 2010).

Incentivi previsti:

  • un contributo di 1.500 euro per chi acquista un'autovettura nuova "euro 4" o "euro 5" con ridotte emissioni di CO2, previa rottamazione di autovetture e autoveicoli per il trasporto promiscuo di categoria "euro 0", "euro 1" o "euro 2", immatricolati prima del 2000

  • un contributo di 2.500 euro per chi acquista: autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e di cose

  • un contributo aggiuntivo di 1.500 euro per l'acquisto di autovetture nuove e omologate dal costruttore per circolare mediante alimentazione, esclusiva o doppia, con gas metano o elettrica o a idrogeno

  • un contributo aggiuntivo di 4.000 euro per l'acquisto di autocarri nuovi, di massa massima fino a 3.500 chilogrammi, di categoria "euro 4" o "euro 5", omologati dal costruttore per circolare mediante alimentazione, esclusiva o doppia, con gas metano

  • un contributo di 500 euro per l'acquisto di un motociclo nuovo, fino a 400 cc di cilindrata, di categoria "euro 3", con contestuale rottamazione di un motociclo o di un ciclomotore di categoria "euro 0" o "euro 1"

  • un incentivo di 500 per l'installazione di impianti a GPL e di 650 euro per quelli a metano.

 

Detrazione per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici
 

È riconosciuta a chi acquista mobili, elettrodomestici ad alta efficienza energetica, televisori e computer destinati all'arredo di immobili oggetto di lavori di ristrutturazione iniziati a partire dal 1° luglio 2008. La detrazione è pari al 20% delle spese sostenute, calcolata su un importo massimo di 10mila euro, da ripartire in cinque quote annuali di pari importo.

 

Inoltre il decreto prevede:

 

Rivalutazione immobili più economica

Ridotta l'imposta sostitutiva per la rivalutazione degli immobili disciplinata dal recente decreto legge 185/2008 ("anticrisi"). L'aliquota per gli immobili ammortizzabili scende dal 7 al 4%, quella per gli immobili non ammortizzabili dal 4 all'1,5%.

Indebite compensazioni

Con l’obiettivo di contrastare più efficacemente l’utilizzo di compensazioni indebite l'Agenzia delle Entrate potenzierà il contrasto al fenomeno effettuando specifici controlli. Viene anche introdotta una maxi-sanzione per chi esegue indebite compensazioni per un ammontare annuo superiore a 50mila euro, fissata nella misura del 200% dei crediti inesistenti utilizzati.

 


torna in alto
Questo sito utilizza cookies per memorizzare alcune informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito ed altri ci aiutano a migliorare l’esperienza degli utenti. Leggi la nostra informativa sulla cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all'uso di questi cookies.