Nuovo criterio di cassa
Clicca qui per ingrandire l' immagine

La Legge di Bilancio per il 2017 prevede che i contribuenti in contabilità semplificata vengano, dall’1.1.2017 tassati secondo il c.d. criterio di cassa e non secondo il c.d. criterio di competenza.

Illustriamo brevemente la differenza fra i due criteri per poi passare ad alcuni suggerimenti da poter porre in essere al fine di rendere più fluido e semplice l’operato dello studio sia per Lei che per lo studio medesimo.

 

La differenza fra il criterio di competenza e il criterio di cassa

 

TIPOLOGIA DI CONTRIBUENTE

CRITERIO DI DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE

  • Professionisti;

  • Associazioni fra professionisti.

Applicazione del criterio di cassa

Regola che resta inalterata

  • Persone fisiche che esercitano attività imprenditoriale             (i professionisti sono già naturalmente assoggettati al regime di cassa e pertanto esclusi da tale modifica normativa);

  • Società di persone;

  • Enti non commerciali che, oltre all’attività istituzionale principale, esercitano un’attività commerciale non prevalente;

  • Trust, se esercitano un’attività commerciale non prevalente.

Applicazione del criterio di competenza, indipendentemente dall’adozione del regime contabile ordinario o semplificato.

Regola che viene modificata

 

In che cosa consiste la differenza fra principio di cassa e principio di competenza?

 

Lo chiariamo con un esempio.

 

Il criterio di competenza:

Il sig. Mauri è un piccolo artigiano e adotta la contabilità semplificata.

Per semplicità immaginiamo la seguente situazione. Unica fattura nell’anno 2016, di euro 21.000 oltre ad IVA. Nessun costo.

Incasso della fattura a mezzo riba in data 31.01.2017.

Il reddito imponibile sarà formato da euro 21.000 su cui calcolare le relative imposte.

REGOLA GENERALE DEL PRINCIPIO DI COMPETENZA:

Il reddito viene calcolato indipendentemente dall’incasso o pagamento ma basandosi sull’insorgere dell’operazione.

 

Il criterio di cassa:

 

Spostiamoci nel 2017 e immaginiamo una identica situazione.

Unica fattura nell’anno 2017, di euro 21.000 oltre ad IVA. Nessun costo.

Incasso della fattura a mezzo riba in data 31.01.2018.

Il reddito imponibile 2017 sarà formato da euro ZERO su cui non calcolare le relative imposte.

Il reddito imponibile 2018 sarà formato da euro 21.000 (o su altri eventuali incassi) su cui calcolare le relative imposte.

 

REGOLA GENERALE DEL PRINCIPIO DI CASSA:

È basilare il momento dell’incasso o del pagamento, al fine della formazione del reddito imponibile.

 

Alla luce di quanto sopra, la Legge di Bilancio, modificando il regime fiscale previsto per le imprese/società in contabilità semplificata introduce il principio c.d. di cassa per la rilevazione delle componenti positive e negative di reddito, in luogo del c.d. principio di competenza.

 

Soggetti interessati: sono interessati da tale modifica tutti i contribuenti in contabilità semplificata.

 

 

 

torna in alto
Questo sito utilizza cookies per memorizzare alcune informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito ed altri ci aiutano a migliorare l’esperienza degli utenti. Leggi la nostra informativa sulla cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all'uso di questi cookies.