Nuovo regime forfettario
Clicca qui per ingrandire l' immagine

NUOVO REGIME FORFETTARIO

L’art. 9 del D.d.L. della Finanziaria 2015 introduce un nuovo regime riservato ai soggetti di minori dimensioni, destinato a sostituire gli attuali regimi esistenti, a decorrere dal 2015.

Il nuovo regime, denominato “Regime fiscale agevolato per lavoratori autonomi” o regime forfetario, prevede in breve:

  • la determinazione particolarmente semplificata del reddito, attraverso l’applicazione di un coefficiente di redditività ai ricavi/compensi. Non è pertanto riconosciuta la deduzione analitica dei costi/spese;

  • l’assoggettamento di tale reddito ad un’imposta sostitutiva dell’IRPEF, delle addizionali IRPEF e dell’IRAP;

  • l’introduzione di un regime agevolato anche ai fini contributivi;

  • adempimenti semplificati, confermando sostanzialmente le disposizioni vigenti nell’attuale regime dei minimi.

Si evidenzia che il regime in esame non è riservato alle nuove iniziative ma riguarda tutte le persone fisiche che svolgono un’attività d’impresa/lavoro autonomo e che rispettano i requisiti richiesti relativamente ai ricavi/compensi e alla “struttura minimale”.

Reddito imponibile e imposta

Nel nuovo regime l’onere fiscale varia sulla base dell’attività esercitata.

Infatti

  • il reddito imponibile dei nuovi forfettari è individuato applicando all'ammontare dei ricavi o dei compensi il coefficiente di redditività individuato in modo differenziato in base all'attività esercitata;
  • il risultato così ottenuto è soggetto a una imposta sostitutiva di quelle sui redditi, delle addizionali regionali e comunali, e dell'Irap pari al 15%

Entrata e uscita dal regime

  • Per i soggetti che rispettano le condizioni e i requisiti sopraesposti il regime forfetario costituisce il loro regime naturale che sarà applicato a partire dal 2015.

  • Il contribuente che “naturalmente” presenta tutti requisiti previsti può non applicare il regime in esame esercitando l’opzione per il regime ordinario ai fini IVA e redditi.

  • Al venir meno delle condizioni che consentono l’applicazione del regime, il contribuente, dall’anno successivo, applica il regime ordinario, potendo successivamente (ri)tornare al regime forfetario se rispetta nuovamente i parametri stabiliti.

  • È possibile restare nel regime agevolato senza più vincoli di tempo.

  • Il nuovo regime sostituirà i regimi agevolati oggi in vigore.

In particolare:

  1. il regime delle nuove iniziative produttive (articolo 13 Legge 388/2000);
  2. il regime fiscale di vantaggio dei minimi (sostitutiva del 5% ex articolo 27, commi 1 e 2 D.l. 98/2011);

  3. il regime contabile agevolato degli ex minimi (articolo 27, comma 3, D.l. 98/2011):

 

saranno sostituti dal nuovo regime forfettario.

 

Novità 2016

La legge di stabilità 2016 introduce importanti novità al regime forfettario, per ciò che attiene la tassazione, i requisiti di accesso e la contribuzione.

Vediamoli in dettaglio:

 

  1. Viene modificato interamente il requisito di accesso nel caso in cui il soggetto abbia anche un reddito di lavoro dipendente o assimilato.

    La nuova condizione prevede infatti che non possono avvalersi del regime di vantaggio coloro che abbiano conseguito, nell'anno precedente, redditi di lavoro dipendete o assimilato eccedenti la soglia di € 30.000,00

  2. Vengono innalzate tutte le soglie di reddito di un importo pari a € 10.000,00, con l'eccezione dei professionisti per i quali viene prevista una soglia pari ad € 30.000,00

  3. Start Up: l'aliquota sostitutiva viene ridotta dal 15% al 5% per i primi 5 anni di attività qualora il soggetto non sia stato titolare di partita iva nei 3 anni precedenti, o qualora l'attività non costituisca una mera prosecuzione di altra svolta in precendenza

  4. Contribuzione: vengono reintrodotti i minimali contributivi Inps (non presenti nella precedente stesura della norma), con la possibilità, però, per il contribuente di richiedere la riduzione del 35% di quanto complessivamente dovuto.

 

Si riporta di seguito una tabella riassuntiva delle soglie di reddito e dei coefficienti di redditività:

 

 


torna in alto
Questo sito utilizza cookies per memorizzare alcune informazioni sul tuo computer. Alcuni sono fondamentali per il funzionamento del nostro sito ed altri ci aiutano a migliorare l’esperienza degli utenti. Leggi la nostra informativa sulla cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all'uso di questi cookies.